- A. Frank

Domenica, 14 giugno 1942
Venerdì 12 giugno ero già sveglia alle sei: si capisce, era il mio compleanno! Ma alle sei non mi era consentito d’alzarmi, e così dovetti frenare la mia curiosità fino alle sei e tre quarti. Allora non potei più tenermi e andai in camera da pranzo, dove Moortje, il gatto, mi diede il benvenuto strusciandomi addosso la testolina.

(Traduzione: Arrigo Vita)

Categorie: Incipitando

Ti potrebbero interessare

  • IL POZZO E IL PENDOLOIL POZZO E IL PENDOLO Io ero ammalato… ammalato fino alla morte per quella lenta agonia; e come alfine essi mi sciolsero e potei sedere, mi sentii venir meno. La sentenza – la paurosa sentenza di morte – fu […]
  • L’ESCAL’ESCA «Da dove devo cominciare» dice mia madre. Nello stesso istante allungo la mano e premo il pulsante sul magnetofono. Il magnetofono è vecchio. Per giorni interi ho girato i negozi a […]
  • ANNA KARENINAANNA KARENINA Tutte le famiglie felici si assomigliano tra loro, ogni famiglia infelice è infelice a suo modo. Tutto era sossopra in casa degli Oblònskije. La moglie era venuta a sapere che il marito […]
  • LIBERA NOS A MALOLIBERA NOS A MALO S’incomincia con un temporale. Siamo arrivati ieri sera, e ci hanno messi a dormire come sempre nella camera grande, che è poi quella dove sono nato. Coi tuoni e coi primi scrosci della […]
  • Non mi piace il fatto che sei bellaNon mi piace il fatto che sei bella Rosa, quindici anni, si sente inadeguata e diversa, e riesce a dimenticare se stessa solo quando danza. Gabriele, stessa età, è il più bello della scuola, sempre a caccia di […]
  • LA RIVOLTA DELL’ELSINORELA RIVOLTA DELL’ELSINORE Il viaggio cominciò male fin da principio. Cacciato fuori dall’albergo in una fredda mattina di marzo, avevo attraversato Baltimora ed ero giunto sulla gettata all’ora indicata. Alle nove […]
  • IL VISCONTE DI BRAGELONNEIL VISCONTE DI BRAGELONNE Verso la metà del mese di maggio dell’anno 1660, alle nove del mattino, allorché il sole già caldo asciugava la rugiada sulle scarpate del castello di Blois, una piccola cavalcata, […]
  • LE CENERI DI ANGELALE CENERI DI ANGELA Era meglio se i miei restavano a New York dove si erano conosciuti e sposati e dove sono nato io. Invece se ne tornarono in Irlanda che io avevo quattro anni, mio fratello Malachy tre, i […]

0 commenti

Non ci sono ancora commenti...

Per inserire un commento usa il form qui sotto.

Lascia un commento

*