- É.-E. Schmitt

Quando avevo dieci anni facevo parte di un gruppo di bambini che tutte le domeniche venivano messi all’asta.
Non eravamo in vendita: ci facevano sfilare sulla passerella con la speranza che tra il pubblico ci fosse qualcuno pronto a prenderci. Possibilmente i nostri genitori, finalmente tornati dalla guerra; in alternativa, coppie desiderose di adottarci.

(Traduzione: Alberto Bracci Testasecca)

Categorie: Incipitando

Ti potrebbero interessare

  • I COMPAGNI SCONOSCIUTII COMPAGNI SCONOSCIUTI Dal letto, sentivo la signora Kuhnl che parlava con la gallina, nella stanza accanto. – Ruhig, ruhig, – diceva. – Stai calma. – Ruhig, rughig – . Non era che questa gallina fosse […]
  • UNO, NESSUNO E CENTOMILAUNO, NESSUNO E CENTOMILA «Che fai?» mia moglie mi domandò, vedendomi insolitamente indugiare davanti allo specchio. «Niente,» le risposi, «mi guardo qua, dentro il naso, in questa narice. Premendo avverto un […]
  • Oscar e la dama in rosa Oscar ha dieci anni e sta morendo. I suoi genitori non vogliono ammetterlo, solo Nonna Rosa, la vecchia volontaria dell’ospedale, lo ascolta e gli suggerisce l'ultimo gioco: vivere […]
  • LIBERA NOS A MALOLIBERA NOS A MALO S’incomincia con un temporale. Siamo arrivati ieri sera, e ci hanno messi a dormire come sempre nella camera grande, che è poi quella dove sono nato. Coi tuoni e coi primi scrosci della […]
  • OSCAR E LA DAMA IN ROSAOSCAR E LA DAMA IN ROSA Caro Dio, mi chiamo Oscar, ho dieci anni, ho appiccato il fuoco al gatto, al cane, alla casa (credo persino di aver arrostito i pesci rossi) ed è la prima lettera che ti mando perché […]
  • LUI È TORNATOLUI È TORNATO Di sicuro è il popolo che mi ha sorpreso di più. Eppure ho fatto davvero tutto ciò che era umanamente possibile per distruggere la sua futura esistenza su questo suolo profanato dal […]
  • IL BARONE RAMPANTEIL BARONE RAMPANTE Fu il 15 di giugno del 1767 che Cosimo Piovasco di Rondò, mio fratello, sedette per l’ultima volta in mezzo a noi. Ricordo come fosse oggi. Eravamo nella sala da pranzo della nostra villa […]
  • MOBY DICKMOBY DICK Chiamatemi Ismaele. Qualche anno fa – non importa ch’io vi dica quanti – avendo poco o punto denaro in tasca e niente che particolarmente m’interessasse a terra, pensai di mettermi a […]

0 commenti

Non ci sono ancora commenti...

Per inserire un commento usa il form qui sotto.

Lascia un commento

*