- B. Fenoglio

Alba la presero in duemila il 10 ottobre e la persero in duecento il 2 novembre dell’anno 1944.
Ai primi d’ottobre, il presidio repubblicano, sentendosi mancare il fiato per la stretta che gli davano i partigiani dalle colline (non dormivano da settimane, tutte le notti quelli scendevano a far bordello con le armi, erano esauriti gli stessi borghesi che pure non lasciavano più il letto), il presidio fece dire dai preti ai repubblicani che sgomberava, solo che i partigiani gli garantissero l’incolumità dell’esodo.

Categorie: Incipitando

Ti potrebbero interessare

  • IL LIBRO DELLA GIUNGLAIL LIBRO DELLA GIUNGLA Eran le sette di sera, d’una serata caldissima fra le colline di Seeonee, quando Babbo Lupo si svegliò dal suo riposo diurno. Si grattò, sbadigliò e stirò le zampe una dopo l’altra per […]
  • LA TREGUALA TREGUA Nei primi giorni del gennaio 1945, sotto la spinta dell’Armata Rossa ormai vicina, i tedeschi avevano evacuato in tutta fretta il bacino minerario slesiano. Mentre altrove, in analoghe […]
  • Giunti e Ebook&KidsGiunti e Ebook&Kids L’editore Giunti, da sempre impegnato nel settore per ragazzi, ha acquisito il 20% del capitale di Ebook&Kids, una startup innovativa che crea e produce applicazioni digitali e […]
  • OCEANO MAREOCEANO MARE Sabbia a perdita d’occhio, tra le ultime colline e il mare – il mare – nell’aria fredda di un pomeriggio quasi passato, e benedetto dal vento che sempre soffia da nord. La spiaggia. E il […]
  • LA MASCHERATA DELLA MORTE ROSSALA MASCHERATA DELLA MORTE ROSSA Dal gran tempo la «Morte Rossa» devastava la regione. Mai pestilenza era stata tanto fatale, o tanto atroce. Il sangue erano il suo Avatar e il suo sigillo: il rosso del sangue, il suo […]
  • I ventitré giorni della città di Alba Raccolta di racconti sulla Resistenza partigiana vissuta dall’autore sulla propria pelle. Scritti in un italiano piano e scorrevole, affrontano con la stessa semplicità momenti […]
  • L’IDIOTAL’IDIOTA Verso le nove del mattino d’una giornata di sgelo, sul finir di novembre, il treno della ferrovia Pietroburgo-Varsavia si avvicinava a tutto vapore a Pietroburgo. Il tempo era così umido e […]
  • IL SENTIERO DEI NIDI DI RAGNOIL SENTIERO DEI NIDI DI RAGNO Per arrivare fino in fondo al vicolo, i raggi del sole devono scendere dritti rasente le pareti fredde, tenute discoste a forza d’arcate che traversano la striscia di cielo azzurro […]

0 commenti

Non ci sono ancora commenti...

Per inserire un commento usa il form qui sotto.

Lascia un commento

*