, Il ballo

Ballo, Il Nella Parigi degli anni Trenta i signori Kampf, da poco arricchitisi speculando in Borsa e desiderosi di entrare finalmente nella buona società, decidono di dare un ballo sfarzoso. Solo la giovane figlia, calpestata e messa da parte, vede con lucidità l’ipocrisia e il ridicolo della sua famiglia. Personaggi al vetriolo, colti senza pietà né tenerezza nei loro atteggiamenti più miserabili. Una scrittura densa e crudele, fortemente autobiografica. Breve ma intenso.

Editore: Newton Compton
Anno: 2013
Pagine: 124
Traduzione: Alessandra Di Lernia

— Attenzione! L’edizione citata non rappresenta né un consiglio né una segnalazione. È semplicemente l’edizione su cui ci si è basati per redigere la presente recensione. —

Ti potrebbero interessare

  • Bijou Una donna ferita e piena di paure, cresciuta e abbandonata da una madre estranea che la considerava alla stregua di un simpatico ma inutile animaletto da compagnia, fino ad imporle […]
  • Trilogia della città di K. Durante la guerra due gemelli vengono spediti in un paese di frontiera e affidati ad una vecchia avara e crudele. Lì devono imparare a vivere la loro infanzia sempre sul filo del […]
  • Sabotaggio d’amoreSabotaggio d’amore Pechino, 1972-75: guerra della Banda dei Quattro nel ghetto di San Li Tan. I figli dei numerosi diplomatici stanziati nel ghetto cinese, decidono che la guerra è il modo più […]
  • La strada L’apocalisse ha trascinato la Terra in un inferno di ghiaccio e fuoco. In ciò che resta del mondo, tra fame e paura, guidati da un sole grigio come la cenere che tutto ricopre, […]
  • Cecità Una cecità improvvisa e contagiosa colpisce inaspettatamente un’intera città. I primi infetti vengono isolati in un manicomio in disuso, sorvegliati a vista dalla milizia, […]
  • La notteLa notte Attesa. Incoscienza. Leggerezza. Poi paura, crudeltà, orrore, speranza, dolore, rabbia, senso di colpa, indifferenza e infine più niente. Solo una lunga notte dell’anima. In un […]
  • Ragazzi di vitaRagazzi di vita Per i ragazzi dei bassifondi di Roma negli anni ’50 non c’è vita, ma solo miseria. Dormire in accampamenti di fortuna, rubare, giocare d’azzardo, scappare dalla polizia o venire […]
  • Via della Posta, 30Via della Posta, 30 Via della Posta, 30: un semplice indirizzo, un anonimo caseggiato grigio, eppure, per tanti ragazzi soli, abbandonati, cacciati, fuggiti, perduti, delusi, infranti contro la […]

0 commenti

Non ci sono ancora commenti...

Per inserire un commento usa il form qui sotto.

Lascia un commento

*