- A. Moravia

Entrò Carla; aveva indossato un vestitino di lanetta marrone con la gonna così corta, che bastò quel movimento di chiudere l’uscio per fargliela salire di un buon palmo sopra le pieghe lente che le facevano le calze intorno alle gambe; ma ella non se ne accorse e si avanzò con precauzione guardando misteriosamente davanti a sé, dinoccolata e malsicura; una sola lampada era accesa e illuminava le ginocchia di Leo seduto sul divano; un’oscurità grigia avvolgeva il resto del salotto.

Categorie: Incipitando

Ti potrebbero interessare

  • Bijou Una donna ferita e piena di paure, cresciuta e abbandonata da una madre estranea che la considerava alla stregua di un simpatico ma inutile animaletto da compagnia, fino ad imporle […]
  • IL VELO DIPINTOIL VELO DIPINTO Ella trasalì con un grido. «Che cosa succede?» fece lui. Nonostante la penombra in cui erano per via delle persiane abbassate, egli vide la faccia di lei contrarsi di terrore. «Qualcuno […]
  • AGOSTINOAGOSTINO Nei primi giorni d’estate, Agostino e sua madre uscivano tutte le mattine sul mare in pattino. Le prime volte la madre aveva fatto venire anche un marinaio, ma Agostino aveva mostrato così […]
  • IL GRANDE BOH!IL GRANDE BOH! Sono sicuro che questa strada è senza uscita e a un certo punto mi troverò a fare i conti con il mio modo di scrivere le canzoni e quindi con il mio modo stesso di pensare e dovrò […]
  • LA FARISEALA FARISEA «Ragazzo, vieni qui!» Mi voltai credendo che egli si rivolgesse a uno dei miei compagni. Ma no, il vecchio zuavo pontificio chiamava, sorridendo, proprio me. La cicatrice sul suo labbro […]
  • Mondadori presenta il formato FlipbackMondadori presenta il formato Flipback Al Salone del Libro di Torino, Mondadori ha presentato il nuovo formato Flipback, che recupera l’idea del vecchio tascabile. Stampato su carta leggera ma resistente, si sfoglia in […]
  • IL BAMBINO CON IL PIGIAMA A RIGHEIL BAMBINO CON IL PIGIAMA A RIGHE Un pomeriggio, di ritorno da scuola, Bruno sorprese Maria in camera sua. La loro cameriera – che stava sempre a testa bassa, con gli occhi incollati al pavimento – tirava fuori […]
  • IL GATTOPARDOIL GATTOPARDO “Nunc et in hora mortis nostrae. Amen.” La recita quotidiana del Rosario era finita. Durante mezz’ora la voce pacata del Principe aveva ricordato i Misteri Gloriosi e Dolorosi; durante […]

0 commenti

Non ci sono ancora commenti...

Per inserire un commento usa il form qui sotto.

Lascia un commento

*