, L’amico ritrovato

Amico ritrovato, L' Nella Germania degli anni Trenta nasce un’amicizia profonda tra il figlio di un conte ariano e il figlio di un medico ebreo. Il fragile rifugio del reciproco affetto va in frantumi con l’avvento di Hitler e delle leggi razziali. Pagine di una semplicità disarmante, che si tengono alla larga da facili recriminazioni. Imperdibile.

Editore: Feltrinelli
Anno: 1998
Pagine: 92
Traduzione: Mariagiulia Castagnone

— Attenzione! L’edizione citata non rappresenta né un consiglio né una segnalazione. È semplicemente l’edizione su cui ci si è basati per redigere la presente recensione. —

Ti potrebbero interessare

  • Bijou Una donna ferita e piena di paure, cresciuta e abbandonata da una madre estranea che la considerava alla stregua di un simpatico ma inutile animaletto da compagnia, fino ad imporle […]
  • Lasciami andare, madreLasciami andare, madre L’infanzia di una bambina tedesca nella Germania di Hitler, nella Berlino bombardata e affamata è già abbastanza difficile senza sapere che la propria madre ha volontariamente […]
  • Il bambino con il pigiama a righe Bruno ha nove anni quando suo padre viene nominato Comandante del campo di Auschwitz. È costretto a seguirlo ma gli sembra una punizione perché non ha nessuno con cui giocare. […]
  • I ventitré giorni della città di Alba Raccolta di racconti sulla Resistenza partigiana vissuta dall’autore sulla propria pelle. Scritti in un italiano piano e scorrevole, affrontano con la stessa semplicità momenti […]
  • L’isola in via degli UccelliL’isola in via degli Uccelli Durante la Seconda Guerra Mondiale, Alex è rinchiuso con suo padre nel ghetto C di Varsavia. La vita è dura e pericolosa, e quando i tedeschi deportano tutti gli ebrei del […]
  • La notteLa notte Attesa. Incoscienza. Leggerezza. Poi paura, crudeltà, orrore, speranza, dolore, rabbia, senso di colpa, indifferenza e infine più niente. Solo una lunga notte dell’anima. In un […]
  • Ethan FromeEthan Frome Ethan Frome è un uomo schivo, incupito dalla sofferenza, da un incedere claudicante e una tristezza caliginosa che ricopre ogni suo gesto. Anche il suo passato è un cumulo di […]
  • Il muro invisibileIl muro invisibile Il piccolo Harry vive con i genitori e quattro fratelli in un quartiere operaio del Lancashire, dove regnano il grigiore delle fabbriche e la miseria della gente. La sua strada è […]

1 commento

1 Antonio Maria [ 03.19.14 - 18:13 ]

la domanda che vi è contenuta può davvero spaventare: quanto possono essere influenzati i nostri comportamenti da condizionamenti esterni, della società oppure della famiglia ?

Lascia un commento

*