- I. McEwan

Lo spettacolo per il quale Briony aveva ideato locandine, programmi e biglietti, costruito il botteghino con un paravento sbilenco e foderato di carta rossa la cassetta dei soldi, era opera sua, frutto di due giornate di una creatività tanto burrascosa da farle saltare una colazione e un pranzo. Quando ebbe concluso i preparativi, non le restò altro da fare che contemplarne la stesura definitiva e aspettare di veder comparire i suoi cugini dal lontano nord.

(Traduzione: Susanna Basso)

Categorie: Incipitando

Ti potrebbero interessare

  • LE ONDELE ONDE Il sole non si era ancora levato. Il mare non si distingueva dal cielo; era solo appena appena increspato, come un panno gualcito. Pian piano, col cielo che si schiariva, si poggiò […]
  • TRA DUE GUERRETRA DUE GUERRE Quando eravamo balilla alla vigilia del 24 maggio ci facevano sfilare davanti alla bandiera per il saluto, mentre la 5ª A schierata sull’attenti cantava la Leggenda del Piave: «Il Piave […]
  • L’AGNESE VA A MORIREL’AGNESE VA A MORIRE Una sera di settembre l’Agnese tornando a casa dal lavatoio col mucchio di panni bagnati sulla carriola, incontrò un soldato nella cavedagna. Era un soldato giovane, piccolo e stracciato. […]
  • AMERICAN GODSAMERICAN GODS Era in prigione da tre anni, Shadow. E siccome era abbastanza grande e grosso e aveva sufficientemente l’aria di uno da cui è meglio stare alla larga, il suo problema era più che altro […]
  • OCEANO MAREOCEANO MARE Sabbia a perdita d’occhio, tra le ultime colline e il mare – il mare – nell’aria fredda di un pomeriggio quasi passato, e benedetto dal vento che sempre soffia da nord. La spiaggia. E il […]
  • IL SOLE NUDOIL SOLE NUDO Elijah Baley combatteva con ostinazione il panico. Era due settimane che montava. Forse anche di più. Aveva incominciato a montare fin da quando lo avevano chiamato a Washington per […]
  • L’ULTIMO DEI MOHICANIL’ULTIMO DEI MOHICANI Caratteristica delle guerre coloniali nell’America settentrionale era che bisognasse muovere incontro alle fatiche e ai pericoli di quelle selvagge contrade, ancor prima che contrapposti […]
  • IL LIBRO DELL’INVERNOIL LIBRO DELL’INVERNO Era lì tra il mucchio di carbone e i vagoni merci, sotto dei pezzi di assi, ed era un vero miracolo che nessuno l’avesse notata prima di me. Un’intera faccia scintillava d’argento e a […]

0 commenti

Non ci sono ancora commenti...

Per inserire un commento usa il form qui sotto.

Lascia un commento

*