, La lunga notte del dottor Galvan

Lunga notte del dottor Galvan, La Il vecchio Galvan racconta, ad uno sconosciuto, di una notte di plenilunio di vent’anni prima quando, ancora giovane dottore, di turno in pronto soccorso, si era trovato alle prese con un paziente che, pur non lamentando dolori particolari, sarebbe divenuto presto un caso da incubo. Ritmo frenetico incalzato da terminologia medica e da un’ironia potente che non lascia scampo. Spassoso e intelligente.

Editore: Feltrinelli
Anno: 2006
Pagine: 77
Traduzione: Yasmina Melaouah

— Attenzione! L’edizione citata non rappresenta né un consiglio né una segnalazione. È semplicemente l’edizione su cui ci si è basati per redigere la presente recensione. —

Categorie: comico, romanzo

Ti potrebbero interessare

  • Molto rumore per nullaMolto rumore per nulla Nella calda Messina shakespeariana, complessi intrighi ingarbugliano la vita del governatore Leonato e della sua famiglia: proposte di matrimonio mascherate, ronde notturne, trame […]
  • Rosencrantz e Guildenstern sono mortiRosencrantz e Guildenstern sono morti I gentiluomini Rosencrantz e Guildenstern sono convocati alla corte di Danimarca per scoprire cosa affligga Amleto. I due, senza riuscire a comprendere la situazione e incerti […]
  • È crollato il British Museum Adam Appleby è un giovane ricercatore del British Museum, cattolico, sposato con tre figli e il terrore di un quarto, ossessionato dall’impossibilità di fare sesso senza essere […]
  • L’importanza di chiamarsi ErnestoL’importanza di chiamarsi Ernesto Un ritratto cinico e sprezzante ma anche comico e affettuoso dell’alta società inglese di fine Ottocento: l’orfano Jack Worthing finge di chiamarsi Ernest per conquistare la bella […]
  • Prove per un incendioProve per un incendio Solomon Kugel, ebreo inetto, pauroso e pieno di angosce, decide di trasferirsi nella sconosciuta cittadina di Stockton con moglie, figlio e anziana madre a carico ossessionata […]
  • Grazie Un artista, premiato per l’insieme della sua opera, viene invitato a tenere un discorso di ringraziamento. Il problema è che non sa assolutamente da che parte partire. Monologo […]
  • Gli sdraiatiGli sdraiati Gli sdraiati sono quella parte di umanità che dorme di giorno e veglia la notte, che riesce a chattare con gli amici mentre guarda la tv, ascolta la musica, studia chimica e […]
  • La targaLa targa La sera dell’11 giugno 1940, mentre al circolo Fascio & Famiglia di Vigata si festeggia l’entrata in guerra, compare l’antifascista Michele Ragusano. Il malanimo si diffonde […]

0 commenti

Non ci sono ancora commenti...

Per inserire un commento usa il form qui sotto.

Lascia un commento

*