- T. Ben Jelloun

Quel volto era reso più lungo da alcune rughe verticali, profonde come cicatrici, scavate da insonnie ostinate e abituali, un volto mal rasato, lavorato dal tempo. La vita – ma quale vita? una apparenza strana di memorie distrutte – doveva averlo malmenato, contrariato, o forse anche turbato profondamente. Ci si leggeva o indovinava una ferita profonda che un gesto malaccorto della mano o lo sguardo troppo insistente di un occhio scrutatore o malintenzionato potevano riaprire.

(Traduzione: Egi Volterrani)

Categorie: Incipitando

Ti potrebbero interessare

  • GOMORRAGOMORRA Il container dondolava dolcemente mentre la gru lo spostava sulla nave. Come se stesse galleggiando nell’aria, lo sprider, il meccanismo che aggancia il container alla gru, non riusciva a […]
  • JACK FRUSCIANTE È USCITO DAL GRUPPOJACK FRUSCIANTE È USCITO DAL GRUPPO presto sarebbe volato via pure quello stupido febbraio e il vecchio Alex si sentiva profondamente infelice ma in modo distaccato come se la sua vita appartenesse - sensazione fin troppo […]
  • I DONI DELLA VITAI DONI DELLA VITA Erano insieme: erano felici. I familiari, che non li perdevano mai di vista, si erano piazzati fra loro e li tenevano separati con dolcezza implacabile, ma il ragazzo e la ragazza sapevano […]
  • Bijou Una donna ferita e piena di paure, cresciuta e abbandonata da una madre estranea che la considerava alla stregua di un simpatico ma inutile animaletto da compagnia, fino ad imporle […]
  • Diario di una schiappaDiario di una schiappa Primo anno di scuola media per Greg Heffley, undicenne senza particolari doti se non quella di cavarsela. Per commemorare l’evento la mamma gli regala un diario, che Greg si […]
  • Momenti di trascurabile infelicitàMomenti di trascurabile infelicità Una raccolta di aforismi e aneddoti, racconti e confessioni delle piccole e grandi insoddisfazioni della vita: dall’infimo livello delle pubblicità in televisione al doversi alzare […]
  • La macchia della razza Siamo davvero convinti di essere immuni dal razzismo? Non è possibile che la storia di ieri si ripeta oggi? L’intolleranza razziale non si è esaurita con gli eccidi della Seconda […]
  • QUADERNI DI SERAFINO GUBBIO OPERATOREQUADERNI DI SERAFINO GUBBIO OPERATORE Studio la gente nelle sue più straordinarie occupazioni, se mi riesca di scoprire negli altri quello che manca a me per ogni cosa ch’io faccia: la certezza che capiscano ciò che fanno. In […]

0 commenti

Non ci sono ancora commenti...

Per inserire un commento usa il form qui sotto.

Lascia un commento

*