, Costa sottovento

Costa sottovento Secondo romanzo del ciclo di Aubrey e Maturin. Periodo sfortunato per il capitano Jack Aubrey: la guerra contro Napoleone sembra finita, la promozione tarda ad arrivare, il suo agente dichiara bancarotta e non ci sono comandi disponibili. Per non parlare poi dei problemi sentimentali e dei disaccordi con l’amico di sempre, che nasconde più di quanto voglia ammettere. Un romanzo lento che fatica ad ingranare, una storia che procede a balzi e riesce a coinvolgere solo a tratti. Modesto.

Editore: TEA
Anno: 2012
Pagine: 469
Traduzione: Paola Merla

— Attenzione! L’edizione citata non rappresenta né un consiglio né una segnalazione. È semplicemente l’edizione su cui ci si è basati per redigere la presente recensione. —

Ti potrebbero interessare

  • TwilightTwilight Bella Swann è costretta a trasferirsi da suo padre nella fredda e uggiosa cittadina di Forks dove sembra non succedere mai niente. Poi, però, incontra Edward Cullen, un compagno di […]
  • Tre volte all’albaTre volte all’alba Tre storie diverse, di tre incontri diversi, tra due persone diverse, in tre albe diverse. Eppure, in un certo senso, la stessa storia, dello stesso incontro, tra le stesse due […]
  • Il magico regno di Landover L’avvocato Ben Holiday decide di comprare un regno fatato dal catalogo natalizio di un centro commerciale. Inaspettatamente il regno esiste davvero, con maghi, streghe, driadi, […]
  • Primo comandoPrimo comando Primo romanzo del ciclo di Aubrey e Maturin. Il primo incarico di comandante sulla corvetta Sophie riserva a Jack Aubrey e al dottor Stephen Maturin avventure di ogni sorta: […]
  • La bambina che amava Tom Gordon In gita sui monti Appalachi, la piccola Trisha si allontana dal sentiero e si perde nel bosco. Dal folto qualcosa di mostruoso spia ogni suo movimento e solo il pensiero di Tom […]
  • Bijou Una donna ferita e piena di paure, cresciuta e abbandonata da una madre estranea che la considerava alla stregua di un simpatico ma inutile animaletto da compagnia, fino ad imporle […]
  • La solitudine di Mour che aveva due mogli In una Dakar contemporanea, in bilico fra tradizioni culturali e progresso, al direttore del servizio di igiene pubblica Mour Ndiaye viene affidato il compito di eliminare […]
  • Jack Frusciante è uscito dal gruppoJack Frusciante è uscito dal gruppo Alex ha diciassette anni, una famiglia medio borghese che non lo capisce, un rendimento mediocre a scuola e la testa piena di idee abbozzate, letture, musica e film mescolati come […]

0 commenti

Non ci sono ancora commenti...

Per inserire un commento usa il form qui sotto.

Lascia un commento

*