- M. Venturino

Mi chiamo Pierluigi Tunesi, ho quarantacinque anni e sono un dirigente d’azienda. Per la precisione sono amministratore delegato di un’importante azienda multinazionale di apparecchiature elettroniche. O meglio, ero Pierluigi Tunesi, avevo quarantacinque anni ed ero un dirigente d’azienda.

Categorie: Incipitando

Ti potrebbero interessare

  • OSCAR E LA DAMA IN ROSAOSCAR E LA DAMA IN ROSA Caro Dio, mi chiamo Oscar, ho dieci anni, ho appiccato il fuoco al gatto, al cane, alla casa (credo persino di aver arrostito i pesci rossi) ed è la prima lettera che ti mando perché […]
  • IL CACCIATORE DI AQUILONIIL CACCIATORE DI AQUILONI Dicembre 2001 Sono diventato la persona che sono oggi all’età di dodici anni, in una gelida giornata invernale del 1975. Ricordo il momento preciso: ero accovacciato dietro un muro di […]
  • LA RIVOLTA DELL’ELSINORELA RIVOLTA DELL’ELSINORE Il viaggio cominciò male fin da principio. Cacciato fuori dall’albergo in una fredda mattina di marzo, avevo attraversato Baltimora ed ero giunto sulla gettata all’ora indicata. Alle nove […]
  • PASTORALE AMERICANAPASTORALE AMERICANA Lo Svedese. Negli anni della guerra, quando ero ancora alle elementari, questo era un nome magico nel nostro quartiere di Newark, anche per gli adulti della generazione successiva a quella […]
  • LA CUSTODE DI MIA SORELLALA CUSTODE DI MIA SORELLA Nel mio primo ricordo, ho tre anni e sto tentando di uccidere mia sorella. Talvolta l’immagine è così nitida che sento ancora la federa ruvida sotto la mia mano, la punta affilata del suo […]
  • LA CITTÀ DEI LIBRI SOGNANTILA CITTÀ DEI LIBRI SOGNANTI Qui comincia la storia. Racconta come sono entrato in possesso del Libro sanguinoso e come ho incontrato l’unza. Non è una storia per tipi dalla pelle sensibile e dai nervi deboli: a chi […]
  • DIARIO 1941-1943DIARIO 1941-1943 Domenica 9 marzo. Avanti, allora! È un momento penoso, quasi insormontabile: devo affidare il mio animo represso a uno stupido foglio di carta a righe. I pensieri sono spesso così chiari e […]
  • MARGHERITA DOLCEVITAMARGHERITA DOLCEVITA Sono andata a letto e le stelle non c’erano più. Ho pulito per bene il vetro della finestra, ma niente da fare. Erano sparite. Era sparita Sirio e Venere e Carmilla e Altazor. E anche Mab […]

0 commenti

Non ci sono ancora commenti...

Per inserire un commento usa il form qui sotto.

Lascia un commento

*