, Ti racconterò tutte le storie che potrò

Ti racconterò tutte le storie che potrò Negli ultimi giorni di vita Agnese Borsellino si racconta al giornalista Salvo Palazzolo: il primo incontro con Paolo e la decisione di sposarsi, l’arrivo dei figli e la loro educazione, la durezza del mestiere di giudice antimafia, la paura delle minacce, la speranza di cambiare le cose, il dolore per la perdita ma soprattutto l’amore per il marito. Una testimonianza forte e positiva, che con le parole semplici di ogni giorno ricorda senza rimpianti e invita con coraggio a lottare. Toccante.

Editore: Feltrinelli
Anno: 2013
Pagine: 199

Coautore: Salvo Palazzolo

— Attenzione! L’edizione citata non rappresenta né un consiglio né una segnalazione. È semplicemente l’edizione su cui ci si è basati per redigere la presente recensione. —

Ti potrebbero interessare

  • Fine pena: oraFine pena: ora Nel 1985 Elvio Fassone, magistrato, condanna all’ergastolo Salvatore M., mafioso pluriomicida. Da allora, ventisei anni di corrispondenza tra l’ergastolano e il suo giudice, il […]
  • Il Piccolo Principe Un aviatore precipitato nel deserto si ritrova solo e assetato tra sabbia e stelle quando inaspettatamente incontra un bambino: è il piccolo principe dell’asteroide B-612, curioso […]
  • Nati due volteNati due volte Comincia una nuova vita per il professor Frigerio quando nasce il figlio Paolo, colpito da tetraparesi spastica. Prima, tutto il suo mondo ruotava intorno all’insegnamento e […]
  • Volevo essere una farfalla Che cosa significa essere anoressici? Quali pensieri portano una persona a brutalizzare il proprio corpo? Michela Marzano prova a raccontare la sua esperienza, dall’infanzia […]
  • Notti in bianco, baci a colazioneNotti in bianco, baci a colazione Matteo Bussola è un fumettista che ama allegramente la compagna e le tre figlie, che usa un’ironia sfacciata per dire la sua e che da anni si racconta dalla sua pagina facebook. […]
  • In nome della madre Il vento prepotente dell’annunciazione, la confessione al promesso sposo, il vociare e il disprezzo della comunità, il viaggio verso Betlemme, e sopra ogni cosa il segreto sussurro […]
  • Casa d’altri Il vecchio prete del paesino reggiano di Monselice – sette case, due strade e montagne quante se ne vuole – vive lentamente, rassegnato alla ripetitività delle stagioni e alla […]
  • Le città invisibili Il potente Kublai Kan ascolta sempre volentieri Marco Polo quando, al ritorno dai suoi viaggi, racconta le meraviglie viste: città dagli esotici nomi di donna, costruite nelle più […]

1 commento

1 Luca [ 07.18.14 - 09:35 ]

Una maniera un po’ diversa di ricordare Paolo Borsellino, con gli occhi di chi l’ha amato. Consigliato!

Lascia un commento

*