- L. Wallace

Il Gebel es Zubleh è una catena di montagne che misura cinquanta miglia e più di lunghezza, ed è così stretta che il suo tracciato sulla carta geografica somiglia a un centopiedi strisciante da mezzogiorno a settentrione. Stando sulle sue balze rosse e bianche e guardando dalla parte del sole sorgente, si scorgerebbe soltanto il deserto d’Arabia, dove i venti di levante, tanto odiosi ai vignaioli di Gerico, folleggiano sin dall’alba del mondo.

(Traduzione: Beatrice Boffito Serra)

Categorie: Incipitando

Ti potrebbero interessare

  • LE MILLE E UNA NOTTELE MILLE E UNA NOTTE Le cronache dei Sassanidi, antichi re di Persia, che avevano esteso il loro impero nelle Indie e, ben oltre il Gange, fino alla Cina, riferiscono che ci fu una volta un re di quella […]
  • QUADERNI DI SERAFINO GUBBIO OPERATOREQUADERNI DI SERAFINO GUBBIO OPERATORE Studio la gente nelle sue più straordinarie occupazioni, se mi riesca di scoprire negli altri quello che manca a me per ogni cosa ch’io faccia: la certezza che capiscano ciò che fanno. In […]
  • L’AMMAZZATOIOL’AMMAZZATOIO Gervaise aveva aspettato alla finestra Lantier fino alle due del mattino. Poi, tremante di freddo, per essere rimasta, in camicia, esposta all’aria della notte, si era assopita, buttata di […]
  • LA PRIMULA ROSSALA PRIMULA ROSSA Una tumultuosa, rumoreggiante folla di creature che di umano avevano soltanto il nome, giacché all’occhio e all’orecchio apparivano nient’altro che selvaggi, animati da abiette passioni e […]
  • DON CHISCIOTTEDON CHISCIOTTE Lettore beato, che non hai nulla da fare, puoi ben credermi senza tanti giuramenti se ti dico ch’io vorrei che questo libro, figliuolo come è del mio pensiero, fosse il più bello, il più […]
  • IL DANNOIL DANNO C’è un paesaggio interiore, una geografia dell’anima; ne cerchiamo gli elementi per tutta la vita. Chi è tanto fortunato da incontrarlo, scivola come l’acqua sopra un sasso, fino ai suoi […]
  • NAPOLEONENAPOLEONE Il 15 agosto 1769 nacque ad Aiaccio un bambino, che ebbe dalla sua famiglia il nome di Buonaparte e dalla sorte quello di Napoleone. La sua prima giovinezza trascorse in mezzo alle […]
  • IL CIMITERO DI PRAGAIL CIMITERO DI PRAGA Il passante che in quella grigia mattina del marzo 1897 avesse attraversato a proprio rischio e pericolo place Maubert, o la Maub, come la chiamavano i malviventi (già centro di vita […]

0 commenti

Non ci sono ancora commenti...

Per inserire un commento usa il form qui sotto.

Lascia un commento

*