IL RICHIAMO DELLA FORESTA - J. London

Buck, non leggendo i giornali, non poteva sapere i guai che si preparavano non solo per lui ma per tutti i cani di grandi dimensioni, di forte muscolatura e di lungo e caldo pelo fra lo stretto di Puget e San Diego. Perché gli uomini, scavando nelle buie profondità dell’Artico, avevano trovato un biondo metallo, e le compagnie di navigazione e di trasporti ne avevano diffuso la notizia facendo accorrere migliaia di cercatori nelle regioni del Nord.

(Traduzione: non segnalato)

Categorie: Incipitando

marzo 27, 2017   Nessun commento

LA RIVOLTA DELL’ELSINORE - J. London

Il viaggio cominciò male fin da principio. Cacciato fuori dall’albergo in una fredda mattina di marzo, avevo attraversato Baltimora ed ero giunto sulla gettata all’ora indicata. Alle nove il rimorchiatore mi avrebbe dovuto fare attraversare la baia per portarmi a bordo dell’Elsinore, e con crescente irritazione io attendevo, gelandomi all’interno del mio taxi.

(Traduzione: non segnalata)

Categorie: Incipitando

marzo 14, 2016   Nessun commento

J. LONDON, Le mille e una morte

Mille e una morte, Le

Sette racconti per un unico tema: la morte. Può arrivare improvvisa e spaventosa ma mai inattesa: una sfida lunga anni, la natura spietata, un tranello ben meditato, la follia, crudeli esperimenti scientifici, un dio violento… in qualunque modo si manifesti, i protagonisti di queste storie la accolgono di volta in volta come una fuga, una nemica, un’ossessione, un evento naturale. Storie scabrose di umana brutalità, narrate nello stile scorrevole e senza fronzoli di London. Affascinante.

Leggi tutto →

luglio 31, 2015   Nessun commento

ZANNA BIANCA - J. London

La cupa foresta di abeti si stendeva tetra su entrambe le rive del corso d’acqua gelato. Gli alberi, squassati da un improvviso vento, si erano liberati del loro manto di brina e sembravano appoggiarsi l’uno contro l’altro, scuri e sinistri contro la luce del crepuscolo. Un silenzio profondo incombeva su tutta la zona, una zona desolata, priva di qualsiasi segno di vita, immobile, così solitaria e fredda da non poter ispirare neanche il senso della tristezza.

(Traduzione: Gino Scerrato)

Categorie: Incipitando

gennaio 12, 2015   Nessun commento

MARTIN EDEN - J. London

Quel tale aprì la porta per la maniglia ed entrò, seguito da un giovanotto che goffamente si tolse il berretto. Questi indossava panni grossolani che sapevano di mare, ed evidentemente non si trovava a posto in quell’atrio spazioso. Non sapeva che cosa fare col suo berretto, e stava cacciandoselo nella tasca della giacca, quando l’altro glielo tolse.

(Traduzione: Mario Benzi)

Categorie: Incipitando

marzo 24, 2014   1 commento

J. LONDON, Il richiamo della foresta

Richiamo della foresta, Il Romanzo brevissimo che racconta le sventure, gli incontri, le lotte, la rabbia e infine l’amicizia e il senso di appartenenza di un cane che si riscopre lupo selvaggio nelle gelide terre d’Alaska. Uno stile piano ed evocativo per una storia ricca di colpi di scena. È amore a prima lettura.

Leggi tutto →

novembre 5, 2013   2 commenti