R. BACH, Nessun luogo è lontano

Nessun luogo è lontano Richard Bach è l’uomo del volo, l’aviatore, il pilota acrobatico, il padre del gabbiano Jonathan Livingston. Il cielo è il suo spazio di ricerca, ciò che lo spinge sempre più su, che gli permette di dialogare con gli uccelli che solcano le nubi; sono loro che ancora dopo tanti anni gli ricordano che c’è sempre un’altra prospettiva da cui osservare il mondo. Un racconto brevissimo ma ricco di suggestioni, di spunti di riflessione, di dolcezza. Uno stile semplice che fa respirare più profondamente. Toccante.

Leggi tutto →

novembre 10, 2017   Nessun commento

BIPLANO - R. Bach

È come la sera della «prima» di una nuova vita, solo che è giorno, e al posto del sipario di velluto che si apre maestoso ci sono le porte di lamiera ondulata dell’hangar, che stridono nelle guide di cemento, più ingrippate che maestose. Dentro l’hangar, ancora sommerso nell’oscurità, con due grandi pozze di buio che ristagnano sotto le ali, e che evaporano man mano che si spalancano le grandi porte, c’è la nuova vita. Un biplano da museo.

(Traduzione: Argia Micchettoni)

Categorie: Incipitando

febbraio 27, 2017   Nessun commento

R. BACH, Il gabbiano Jonathan Livingston

Gabbiano Jonathan Livingston, Il Il gabbiano Jonathan non è come gli altri membri dello Stormo: non si accontenta di svolazzare a pelo d’acqua sulla scia dei pescherecci, lui vuole imparare a volare davvero, superando ogni limite. Questo lo rende un Reietto ma gli fa scoprire ciò che è veramente importante in una continua vittoria su se stesso. Una storia semplice e piena di speranza che insegna a volare e a rimettere ogni cosa nella giusta prospettiva. Da leggere e rileggere, e poi leggere ancora.

Leggi tutto →

maggio 9, 2014   1 commento