IN PRIMO PIANO

L. SEPÚLVEDA, Storia di una lumaca che scoprì l’importanza della lentezza

Storia della lumaca che imparò l'importanza della lentezza La colonia di lumache che abita il Paese del Dente di Leone, vive tranquilla e abitudinaria sotto la pianta del calicanto. Tra loro, però, c’è una compagna curiosa di sapere: perché nessuna di loro ha un nome ma si chiamano tutte “lumaca”? Perché sono così lente? Che cosa c’è al di là del prato? Domande scomode che la metteranno in marcia verso l’ignoto alla scoperta del mondo e di se stessa, dell’importanza della lenta memoria e della pacata saggezza, alla ricerca del coraggio e della salvezza. Commovente.

Leggi tutto →

febbraio 18, 2017   Nessun commento

  ULTIME RECENSIONI

S. AUSLANDER, Prove per un incendio

Prove per un incendio Solomon Kugel, ebreo inetto, pauroso e pieno di angosce, decide di trasferirsi nella sconosciuta cittadina di Stockton con moglie, figlio e anziana madre a carico ossessionata dall’Olocausto che non ha mai vissuto. Poco dopo, un piromane comincia ad incendiare le fattorie circostanti e Kugel scopre che in soffitta si nasconde una donna vecchissima e scorbutica che dice di chiamarsi Anne Frank. Un romanzo comico e cinico sui concetti di memoria e mistificazione, di ottimismo e disperazione. Acuto e dissacrante.

Leggi tutto →

febbraio 17, 2017   Nessun commento

J. K. ROWLING, Le fiabe di Beda il Bardo

Fiabe di Beda il Bardo, Le Come Cenerentola o Biancaneve sono note a tutti i bambini Babbani, le fiabe raccolte in questo libriccino fanno parte dell’infanzia di ogni mago o strega del mondo magico creato da J. K. Rowling: la storia dello stregone perseguitato da un pentolone salterino, le vicende della vecchia strega Baba Raba che era un Animagus, l’incredibile incontro di tre fratelli con la Morte in persona. Una raccolta fantastica, ricca di insegnamenti e divertimento, impreziosita dai saggi commenti di Albus Silente. Arguto e fantasioso.

Leggi tutto →

febbraio 11, 2017   Nessun commento

PH. ROTH, Il seno

il seno

In una travagliata e dolorosa notte, il professor David Kepesh subisce una metamorfosi kafkiana trasformandosi in un enorme seno femminile di 70 chili. Costretto in una clinica, i suoi rapporti con medici e familiari si limitano al tatto e all’udito. Dapprima l’eccitante riscoperta della sensualità poi il rifiuto della propria condizione lo conducono alla convinzione che aver letto troppa letteratura lo abbia reso pazzo. Un racconto inquietante, un’ironia allarmata e spinta, un’indagine spaventosa della paura di sé. Angosciante.

Leggi tutto →

febbraio 10, 2017   Nessun commento

I. NÉMIROVSKY, Come le mosche d’autunno

Come le mosche d'autunno La njanja Tat’jana Ivanovna accudisce generazioni di Karin nella Russia degli zar. C’è quando Jurij e Kirill partono per la guerra nel 1916; e c’è ancora quando, fuggiti tutti, Jurij torna malato e fuggitivo in una casa ormai vuota; e anche a Parigi, negli anni ’20, dove vede agitarsi i membri rimasti della famiglia in vani tentativi di vita “come mosche d’autunno”, mentre, sola, ricorda la neve, gli inverni russi, la grande casa. Un romanzo intenso, una narrazione asciutta e densa, dove ogni pagina pesa come piombo su vite senza controllo. Implacabile.

Leggi tutto →

febbraio 3, 2017   Nessun commento

L. MALLE, Arrivederci ragazzi

Arrivederci ragazzi È il 1944 nella Francia occupata dai nazisti. Julien, di ricca famiglia borghese, vive in un collegio cattolico dove la guerra giunge come un’eco remota. Un giorno, però, arriva Jean, bravo a scuola, gentile e con un terribile segreto. L’amicizia tra loro nasce piano piano, sempre più salda, mentre l’orrore della persecuzione razziale si fa largo nella quieta vita di collegio. Un romanzo che racconta con efficacia il brusco passaggio alla vita adulta. Commovente.

Leggi tutto →

gennaio 28, 2017   Nessun commento

H. SCHNEIDER, Lasciami andare, madre

Lasciami andare, madre L’infanzia di una bambina tedesca nella Germania di Hitler, nella Berlino bombardata e affamata è già abbastanza difficile senza sapere che la propria madre ha volontariamente lasciato i figli per unirsi alle SS. È la storia di Helga, abbandonata a quattro anni. Questo è il racconto autobiografico dell’atteso incontro, dopo una vita di separazione: troppi nodi, troppe domande, troppa sofferenza non permettono la comunicazione. Una prosa che segue affannosa i moti dell’animo, un’indagine che si arresta alle soglie dell’inferno. Lascia l’amaro.

Leggi tutto →

gennaio 27, 2017   Nessun commento

M. CORONA, Storie del bosco antico

Storie del bosco antico Il mondo non è sempre stato come lo vediamo oggi: un tempo, quando il bosco era antico, il corvo era bianco, il ghiro era insonne, la lumaca era un venditore ambulante e l’uomo fu generato per movimentare la pace del creato. Una raccolta di fiabe che tessono la trama di una fantasiosa leggenda sulla nascita degli animali del bosco, un rapporto intimo tra Dio e le sue creature, raccontato in modo semplice e ingegnoso. Da leggere la sera accanto al fuoco.

Leggi tutto →

gennaio 21, 2017   Nessun commento